Perugia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Caritas Perugia, il pranzo di Natale: “Sogno è che i poveri siano invitati da famiglie”

All'evento ha preso parte anche il vescovo don Ivan Maffeis: "Non dobbiamo abituarci o diventare indifferenti alle sofferenze altrui"

Nel contesto di una festa all’insegna della solidarietà, l’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve Ivan Maffeis ha preso parte  al “Pranzo di Natale” organizzato dalla Caritas diocesana. “Il Natale ci insegna una grandezza unica, quella di un Bambino, che incarna la tenerezza e l’accoglienza, soprattutto verso i più bisognosi. È un’esperienza che arricchisce prima di tutto noi stessi”, ha affermato l’Arcivescovo. L’evento ha avuto luogo presso il “Villaggio della Carità-Sorella Provvidenza”, dove la Mensa “Don Gualtiero” serve da oltre un anno e mezzo i bisognosi del capoluogo umbro.

L’arcivescovo Maffeis ha poi riflettuto sul ruolo della luce in un mondo spesso avvolto nelle tenebre, sottolineando come il Natale debba ispirarci a essere portatori di luce e speranza. “Non dobbiamo abituarci o diventare indifferenti alle sofferenze altrui, ma piuttosto portare la luce che celebriamo nelle nostre liturgie”, ha dichiarato.

Don Marco Briziarelli, direttore della Caritas diocesana, ha parlato dell’importanza di un cuore aperto alla carità durante tutto l’anno, non solo a Natale. “Viviamo questo giorno con grande felicità, ma il nostro obiettivo è che queste persone vengano accolte da famiglie, vivendo il Natale in un contesto familiare. Lavoriamo per diffondere un cuore di carità che apra le porte a tutti”, ha esortato Don Briziarelli, augurando ai presenti un buon pranzo.

Un ospite ha espresso gratitudine per la presenza dell’Arcivescovo e dei volontari, rimarcando come la festa sia un’opportunità per condividere la luce di Gesù. “Siamo tutti poveri in un modo o nell’altro; l’importante è sapersi accogliere e accompagnare a vicenda”, ha aggiunto.

Stella Cerasa, assistente sociale e volontaria Caritas, ha rivelato come il pranzo di Natale sia un momento speciale di unione e di servizio per i volontari, alcuni dei quali si sono uniti alla causa proprio in questa occasione. “Il Natale cambia la vita delle persone e molti volontari hanno deciso di continuare l’esperienza di volontariato con noi”, ha detto Cerasa.

Il pranzo è stato preparato seguendo la tradizione natalizia umbra dall’Hotel Sacro Cuore di Perugia e realizzato anche grazie al contributo di benefattori come la Coldiretti Umbria e Campagna Amica. Gli addobbi, creati da giovani della comunità parrocchiale e studenti della scuola d’infanzia “Donati Ticchioni” di Perugia, hanno aggiunto un tocco di festività all’evento.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tour di Conte ha toccato tre città umbre: Foligno, Gubbio e Perugia. A Foligno,...
A partire da lunedì 20 maggio, nell’ambito del piano di riqualificazione della E45, saranno effettuati...
Grazie alle informazioni fornite dai testimoni, la polizia è riuscita a rintracciare un 39enne, che...

Altre notizie

Perugia Tomorrow