Perugia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Cisl Umbria dice no allo sciopero: “Manovra con luci ed ombre”

Il segretario generale Manzotti in conferenza stampa: "Priorità è tutela delle retribuzioni e delle pensioni di fronte a un'eventuale inflazione crescente"

Nel panorama delle decisioni economiche del governo, la Cisl esprime un giudizio articolato, riconoscendo sia elementi positivi che criticità. Il segretario generale della Cisl Umbria, Angelo Manzotti, ha delineato questa posizione durante una conferenza stampa a Perugia, contestando nel contempo lo sciopero indetto da Cgil e Uil.

“Esprimiamo un giudizio altalenante rispetto alla manovra economica del Governo, ci sono alcune luci e alcune ombre”, afferma Manzotti, sottolineando che la Cisl ha scelto di non aderire allo sciopero a causa degli aspetti positivi che identificano nelle decisioni governative. La priorità principale, secondo il sindacato, è la tutela delle retribuzioni e delle pensioni di fronte a un’eventuale inflazione crescente.

Il segretario generale spiega che questo obiettivo viene perseguito “abbassando la pressione fiscale sulle retribuzioni e sulle pensioni, e lo facciamo anche rinnovando i contratti di lavoro”. Manzotti riconosce alcuni passi positivi nella legge di bilancio, come la questione del cuneo contributivo e la revisione delle aliquote Irpef, soprattutto per le fasce di reddito fino a 35.000 euro.

Tuttavia, la Cisl evidenzia che persistono “forti criticità rispetto a tutta la partita legata al sistema previdenziale, che è un ulteriore irrigidimento rispetto alla legge Fornero”. Un punto cruciale per il sindacato è migliorare la situazione dell’ingresso in pensione. A questo proposito, Manzotti afferma: “Chiediamo che si possa andare in pensione a 62 anni e 41 di contributi, prevedendo flessibilità e tenendo in seria considerazione i lavori usuranti”.

Altre criticità riguardano opzione donna e ape sociale, per le quali la Cisl intende aprire un percorso di sensibilizzazione nei confronti del governo e delle parti politiche. In chiusura, il segretario generale annuncia la partecipazione alla manifestazione nazionale il 25 novembre a Roma per richiamare l’attenzione sulla necessità di rivedere l’aspetto delle pensioni, tematica centrale per il sindacato.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il tour di Conte ha toccato tre città umbre: Foligno, Gubbio e Perugia. A Foligno,...
A partire da lunedì 20 maggio, nell’ambito del piano di riqualificazione della E45, saranno effettuati...
Grazie alle informazioni fornite dai testimoni, la polizia è riuscita a rintracciare un 39enne, che...

Altre notizie

Perugia Tomorrow