Perugia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Esplosione alla Green Genetics: un nuovo capitolo del processo

Durante la quinta udienza presso la Corte d'Assise, nuove testimonianze hanno portato alla luce aspetti cruciali

Il processo legato all’esplosione devastante alla Green Genetics di Gubbio, avvenuta nel 2021, continua a svelare dettagli inquietanti. Durante la quinta udienza presso la Corte d’Assise, nuove testimonianze hanno portato alla luce aspetti cruciali delle operazioni di Green Genetics e Greenvest, aziende focalizzate nella produzione e commercializzazione di cannabis light. L’incidente, che causò la morte di Samuel Cuffaro e Elisabetta D’Innocenti, ha portato all’accusa di duplice omicidio doloso per cinque individui, implicati in quello che sembra essere un tragico connubio di negligenza e pericolosità.

Uno degli aspetti più drammatici emersi durante l’udienza riguarda la testimonianza di un’impiegata della sede di via del Risorgimento. La donna, fortunosamente assente al momento dell’incidente poiché impegnata nell’acquisto del pane per la merenda aziendale, ha descritto un ambiente di lavoro in crescente pericolo. Il continuo arrivo di prodotti chimici e infiammabili, unitamente ad un odore sempre più pungente nei giorni precedenti la tragedia, dipinge un quadro di trascuratezza in termini di sicurezza.

Un altro momento chiave è stata la testimonianza dell’ispettore di polizia incaricato delle indagini tecniche, in particolare sull’impianto di videosorveglianza e sui telefoni cellulari. Dalle chat e dalle immagini estrapolate è emerso un dettagliato resoconto delle responsabilità e delle attività degli imputati, una ricostruzione che potrebbe rivelarsi decisiva nel processo.

Le testimonianze hanno anche evidenziato una preoccupante mancanza di formazione sulla sicurezza e pratiche lavorative inadeguate, incluse riferimenti a esperimenti potenzialmente pericolosi. Questi elementi contribuiscono a delineare un quadro di imprudenza e mancanza di preparazione che potrebbe aver giocato un ruolo fondamentale nell’incidente.

Il processo riprenderà l’8 febbraio, con l’attesa di ulteriori sviluppi e testimonianze. La comunità di Gubbio attende risposte, nella speranza che la giustizia possa fare luce su una tragedia che ha lasciato un segno indelebile nella storia della città.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

A partire da lunedì 20 maggio, nell’ambito del piano di riqualificazione della E45, saranno effettuati...
Grazie alle informazioni fornite dai testimoni, la polizia è riuscita a rintracciare un 39enne, che...
carabinieri fontivegge
Un ragazzo di 26 anni originario della Costa d'Avorio è stato aggredito da tre uomini...

Altre notizie

Perugia Tomorrow