Perugia Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Eccellenze umbre sotto i riflettori alla settimana della cucina italiana nel Mondo

La regione grande protagonista in territorio norvegese grazie alla missione realizzata dall’agenzia creativa transdisciplinare Brand Culturale

La “Settimana della cucina italiana nel mondo” ha visto l’olio extravergine d’oliva umbro e altre eccellenze italiane dominare la scena ad Oslo, in un trionfo di successi e collaborazioni che hanno messo in primo piano il Made in Italy e, in particolare, l’Umbria.

Dal 14 al 16 novembre, la missione, caratterizzata da workshop, incontri nelle scuole, mostre, show culinari, degustazioni e conferenze, ha avuto l’obiettivo di promuovere la tradizione gastronomica e culturale umbra, oltre a sviluppare rapporti turistici, commerciali e formativi con la Norvegia.

L’evento è stato organizzato grazie alla collaborazione tra l’Ambasciata d’Italia in Norvegia e Islanda, l’Università per Stranieri di Perugia, e Brand Culturale, un’agenzia creativa perugina con esperienza internazionale. L’Istituto Italiano di Cultura a Oslo, l’Agenzia ICE e l’associazione Ambasciatori del Gusto hanno contribuito in modo significativo alla realizzazione dell’evento.

Il buon mangiare al centro

Il tema centrale di questa ottava edizione della manifestazione è stato “A tavola con la cucina italiana: il benessere con gusto”. In linea con questo tema, l’Ambasciata d’Italia a Oslo ha scelto di mettere in evidenza l’olio extravergine d’oliva come elemento fondamentale della dieta mediterranea, portando l’olio umbro nella capitale norvegese, dove è stato presentato non solo agli operatori del settore, ma anche nelle scuole attraverso masterclass e degustazioni, raggiungendo così un vasto pubblico.

Una delle pietre miliari dell’evento è stata la cena di gala presso la residenza dell’Ambasciatore Stefano Nicoletti, che ha visto la partecipazione di ambasciatori provenienti da diverse nazioni, esponenti del governo norvegese e del Ministero degli Affari Esteri e della Cultura.

Un momento di particolare rilievo è stata la cena dedicata agli imprenditori umbri, presieduta dal vice ministro al Made in Italy, Valentino Valentini. Durante la sua visita nei paesi nordici per la candidatura di Roma ad EXPO 2030, il vice ministro ha elogiato l’iniziativa realizzata da Brand Culturale, arricchendo ulteriormente l’evento con la sua presenza. Al tavolo c’erano anche rappresentanti di aziende leader come Vard, società del gruppo Fincantieri, e Var Energy, nel settore oil&gas.

Il ruolo di Unistra Pg

L‘Università per Stranieri di Perugia, in qualità di ambasciatrice della cultura italiana nel mondo, ha svolto un ruolo centrale nell’ambito formativo, offrendo workshop ed incontri presso scuole e istituti alberghieri norvegesi. Questi incontri sono stati tenuti dai professori dell’Unistra Luigi Mundula e Maura Marchegiani, insieme alla responsabile dell’Ufficio Orientamento Nicole Benedetti. L’obiettivo era promuovere non solo la lingua e la cultura italiana, ma anche i corsi di laurea dedicati al food and hospitality, come il corso triennale “Made in Italy, cibo e ospitalità” (MICO) e il corso di laurea magistrale “Management e cultura italiana del cibo”, sviluppati in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia.

L’evento ha rappresentato un’importante occasione di promozione e internazionalizzazione del Made in Umbria. Le degustazioni e gli incontri con i produttori umbri presenti, coordinati dal food manager Lucio Tabarrini, hanno permesso di far conoscere e apprezzare le tradizioni enogastronomiche della regione a una platea di addetti ai lavori, tra cui tour operator, importatori di generi alimentari, giornalisti e food blogger, importatori norvegesi di prodotti alimentari italiani, negozi di gourmandise e il Monopolio statale del vino.

Brand Culturale sta lavorando attivamente per portare i vini dell’Umbria sugli scaffali norvegesi in collaborazione con l’organizzatore delle aste del Monopolio del vino, il cui interesse è stato suscitato dalla qualità dei vini regionali.

Tutti gli eventi della tre giorni

Gli incontri B2B hanno visto la partecipazione di frantoi umbri come Decimi, Centumbrie, I Potti dei Fratini e Viola per l’olio extravergine d’oliva, insieme ad aziende come David Salumi (norcineria), Solana (formaggi), Famiglia Cotarella e Goretti (vino), Apicoltura Galli (miele), Giuliano Tartufi e BioAlberti (legumi e pasta), che hanno presentato altre eccellenze agroalimentari.

Chef esperti come Lorenzo Cantoni e Piergiorgio Cianci hanno deliziato gli ospiti con piatti realizzati utilizzando l’olio extravergine d’oliva umbro non solo come condimento, ma come ingrediente principale.

L’evento è stato impreziosito dalla mostra fotografica di Pier Paolo Metelli, intitolata “Umbria, sui sentieri degli ulivi”, che ha offerto una visione del territorio umbro e del processo di produzione dell’olio d’oliva, accompagnata da una degustazione di olio d’oliva.

La presenza di rappresentanti del mondo imprenditoriale, del food e della cultura ha ulteriormente arricchito l’esperienza offerta dall’evento.

Infine, Brand Culturale ha presentato il progetto Ombroi, un ristorante umbro contemporaneo replicabile in tutto il mondo. Questa idea celebra la storia e la cultura culinaria dell’Umbria, offrendo un concept che unisce arte, storia e prodotti tipici.

In definitiva, l’evento ha costruito un ponte tra Italia e Norvegia, con l’Umbria come pilastro centrale. Un successo che ha consolidato le relazioni tra i due paesi, promuovendo non solo la cultura e la cucina italiana, ma anche le opportunità di collaborazione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie

Perugia Tomorrow